Zodiaco elettrico su Rumore: 8

Recensione di Zodiaco elettrico su Rumore di Luglio/Agosto.

Karlheinz Stockhausen è stato spesso, nella sua indiscussa genialità, indisponente ed eccessivo. Per questo forse una delle sue composizioni più apprezzate è anche la meno magniloquente: Tierkreis (1975), dodici semplici motivi ispirati ai segni astrologici, concepiti per altrettanti carillon (in origine, per un’azione teatrale). Il quartetto cesenate Aidoru rivisita per la prima volta l’opera, già prestatasi a varie trasposizioni, con chitarre, basso e batteria. Da congegno meccanico, lo Zodiaco diviene dunque Elettrico. Alle liriche melodie si inventa un contesto ritmico e armonico, con idioma post rock preciso come un orologio ma anche percettivamente emotivo, svariando da celesti cadenze un po’ shoegaze (Capricorn, Aquarius) a tellurici riff (Cancer, Scorpio). Abbinato ad un libro con vari saggi esplicativi, il cd è divenuto anche uno spettacolo con dialoghi del filosofo Luigi Lombardi Vallauri. Il mistico Maestro avrebbe forse avuto da ridire, ma a noi pare un’operazione coi fiocchi.

Vittore Baroni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: